e molto importante anche il fattore carattere, che tanti trascurano o non danno la minima importanza:

il chihuahua è un cane da compagnia, un cane che vive a stretto contatto con il padrone, e per tal motivo  dev'essere socievole, equilibrato, mai aggressivo.

Dev'essere fedele e ubbidiente ma deve sempre conservare un minimo di carattere: se lui non ne vuol sapere di giocare con la palla....beh non fatelo giocare!!!!!

Un chihuahua non è un giocattolo, non è un soprammobile: è, come tutti i cani, un essere vivente, quindi si può ammalare, si può far male correndo o giocando con altri cani, potrebbe affezionarsi al gatto di casa, a volte più grande di lui!

quindi valutate bene se siete disposti ad impegnarvi per anni! perchè lui si innamorerà perdutamente di voi e sarà disposto a seguirvi in capo al mondo!!

Il maschietto è sempre fertile: non c'è quindi un tempo determinato, lui si accoppierebbe sempre!

E rimane fertile per tutta la vita. Certo, quando è vecchietto avrà un numero minore di spermatozoi, quindi ciò significa meno ovuli da fecondare, quindi meno cuccioli!

Però ecco, il maschio non ha grandi problemi

La femmina invece ha il calore circa ogni 6 o 7 mesi. L'allevatore però sa bene che dopo i 6 anni è meglio non farla piu coprire perchè un'età avanzata potrebbe causare difficoltà nel parto.

Per quanto riguarda il calore, diciamo che le perdite ematiche durano circa una decina di giorni (a volte di meno, a volte di più, dipende dal soggetto)

questo periodo caratterizzato da macchioline di sangue è chiamato proestro ed è un periodo non fecondo.

Da circa l'undicesimo giorno inizia l'estro ed è il periodo in cui la cagnolina cerca il maschio. Questo è il periodo giusto per farla accoppiare!!

Terminato il periodo di ricerca amorosa, inizia il diestro, e dura circa due mesetti.

Per quanto riguarda la gravidanza, si deve sapere che l'inizio non necessariamente coincide con la prima monta ma coincide con il momento dell'ovulo fecondato.

La durata della gravidanza va dal 58esimo giorno al 65esimo giorno.

L'allevatore professionale sa bene quando la sua cagnolina andrà in calore e sa già in anticipo quale fortunato maschietto avrà l'onore di essere il suo fidanzato....

mentre il privato potrebbe accoppiare in base a ciò che possiede in casa, l'allevatore sceglie in base a  diversi fattori, quale il colore, il pelo, la linea di sangue ecc ecc

Dalla terza settimana di gravidanza sarà possibile diagnosticare tramite la palpazione la presenza di piccoli feti.

Dall' 20esimo giorno si può effettuare un'ecografia per verificare se la cagnolina è incinta o meno.

Dal 50esimo giorno si può effettuare una lastra per controllare il numero di feti.

Attenzione però: questo conteggio può essere non preciso!!

Anzittutto prima di affrontare il parto della propria cagnolina si deve pensare alla cassa parto: l'ideale sarebbe una cassetta di legno con una traversina usa e getta (così dopo il parto si può buttare via tutto), ma anche una cuccia di plastica facilmente lavabile va bene.

Alcune cagnette si rifiutano di mangiare poche ore prima del parto,

altre cominciano a scavare, altre girano su stesse, altre ancora si paralizzano

e guardano nel vuoto... non esistono dei sintomi precisi e uguali per tutte,

dalla mia esperienza personale posso dire che ogni cagnolina ha il suo modo

di reagire.

Tuttavia un fattore comune c'è: la temperatura

La temperatura corporea si abbassa al di sotto dei 38 gradi.

Quindi, procuratevi giorni prima un termometro, e misurate la temperatura

alla vostra cagnetta. Più bassa è la temperatura più vicino sarà il parto.

Quando una cagnolina partorisce si deve avere pazienza e molta discrezione: lasciatela tranquilla, in un posto semi buio, non statele troppo addosso insomma.

Un parto può durare anche 10 ore.

Accendete la luce rossa riscaldante, affinchè i cuccioli possono riscaldarsi e asciugarsi, procuratevi un' aspiratore nasale (lo trovate in farmacia) dove andrete ad aspirare delicatamente il liquido che può essere andato nel naso del cucciolo, procuratevi stracci e l'energy booster da somministrare alla mamma qualora la vedeste stanca (è un alimento iper energetico )

Dopo le prime forti spinte, uscirà il cucciolo, avvolto ancora nella placenta, dove la mamma cercherà di lacerare subito con i denti. Dopodichè cercherà anche di recidere il cordone ombelicale. Una volta eseguito questo processo istintivo mangerà tutto quanto.

Ecco, a questo punto se vedete che la vostra cagnolina non esegue questi semplici passaggi, dovrete aiutarla: dovrete voi, muniti di guanti, rompere la palcenta, sempre prima dalla testa affinche il cucciolo beva meno liquido possibile, dopo lo lascerete pulire e leccare dalla mamma... liberategli il naso con l'aspiratore o pipetta qualora ci fosse del liquido, ricordatevi che i cuccioli devono piangere, come i bambini!

il pianto rappresenta i polmoni liberi!

in caso scuotete a testa in giù i cuccioli, proprio per favorire il pianto. 

Al primo cucciolo seguono degli intervalli più o meno lunghi, poi arriverà il secondo, il terzo e cosi via.

Non spazientatevi!

Non arrabbiatevi!

piuttosto fatevi una cammomilla!!!

La mamma ha bisogno di tranquillità, non deve avere fretta!

Se l'intervallo tra due espulsioni supera le 3 o 4 ore ore recatevi subito dal vostro veterinario, perchè può essere molto pericoloso e molto probabilmente sarà necessario effettuare un taglio cesareo.

Purtroppo a volte non va tutto bene.... e alcuni cuccioli che sembrano vitali possono morire.

Capita... è il lato più brutto dell'allevatore.

Si assiste alla vita, ma si assiste purtroppo anche alla morte.

© 2023 by The Animal Clinic. Proudly created with Wix.com

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon